Immagine descrittiva del post

Vuoi creare un progetto Spring Boot e renderlo operativo in poco tempo ma non sai da dove iniziare? Se ti dicessi che esiste un modo per farlo, da zero, in soli 2 minuti?

Troppo ottimista? Continua a leggere.

 

Lo strumento per creare un nuovo progetto Spring Boot da zero

In un altro articolo ho accennato quanto la scelta di un buon framework sia fondamentale per lo sviluppo di un progetto, ora capirai il perché.

Spring è sicuramente un’ottima scelta, e come tutti i migliori progetti, offre anche fantastici strumenti per lo sviluppo. Uno di questi permette il bootstrap di una nuova applicazione Spring Boot in pochissimo tempo.

Sto parlando di Spring Initializr, lo strumento per creare un nuovo progetto Spring Boot nel modo più veloce possibile. Si tratta di web application, disponibile a questo indirizzo, dove potrai generare il tuo nuovo progetto.

L’interfaccia è semplice (immagine sottostante) e permette la scelta di alcuni campi relativi allo sviluppo, quali il linguaggio e il gestore di progetto, l’inserimento dei metadata del progetto e la scelta facilitata di eventuali dipendenze.

Schermata pagina Spring initializr
 

#1 Crea un nuovo progetto Maven con Java

Appena aperta la pagina web, nella schermata che troverai seleziona Maven Project e Java, nei rispettivi campi Project e Language, come nell’immagine sopra.

Per la versione di Spring Boot puoi lasciare quella selezionata, che è anche l’ultima versione stabile disponibile.

A questo punto dovrai riempire i campi Metadata per il tuo progetto.

 

#2 Compila i campi Project Metadata

Sono i campi che servono per descrivere il tuo progetto.

  • Group: gruppo di lavoro, it.laterale.cloud (come scegliere un nome: qui)
  • Artifact: nome del progetto, demo

Espandendo il pannello Options, puoi gestire altri parametri. In particolare, potrai selezionare la versione Java che intendi utilizzare e il packaging War, se ad esempio utilizzerai un Tomcat per il deploy, o Jar.

Schermata pagina Spring initializr
 

#3 Scegli le dipendenze

Scegliendo qui le dipendenze Maven del progetto, queste verranno aggiunte automaticamente al file pom.xml, potrai comunque aggiungerle in qualsiasi momento dopo la creazione. 

Puoi inserire qui la dipendenza Spring Web per creare le tue API RESTful, come già visto in questo articolo.

Scegli anche Spring Data JPA per la persistenza e il driver JDBC per la connessione al database PostgreSQL Driver, se ad esempio utilizzerai Postgres. A questo proposito, ho scritto un altro articolo che ti spiega come connettere la tua applicazione Spring Boot e comunicare con il database.

Schermata pagina Spring initializr
 

#4 Genera il progetto Spring Boot

Arrivato fin qui non resta che generare e scaricare l’applicazione Spring Boot, semplicemente cliccando sul pulsante Generate ...

 

Cosa fare ora?

Hai appena visto come creare un progetto Spring Boot, da zero, in soli 2 minuti (circa ;)). Facile vero?

Inizierai ora a sviluppare la tua applicazione. Per aiutarti, ho scritto per te altri post sul framework Spring Boot come ad esempio creare servizi RESTful.

Se vuoi rimanere aggiornato, puoi seguire la pagina Facebook del blog, cosi sarai informato ogni volta che pubblicherò un nuovo post che potrebbe aiutarti.

Fatto?

Bene, continuiamo.

Quello che dovrai fare ora, è prendere la cartella appena scaricata e spostarla dove vuoi tu, dopo di che potrai importare il progetto all’interno di un IDE (es. Eclipse, IntelliJ) per poter continuare lo sviluppo. Continua a leggere.

 

Aprire un progetto con IntelliJ

Utilizzare IntelliJ IDEA è una buona scelta. Aprire un progetto Maven con IntelliJ è facilissimo: basta cliccare su Apri nella schermata di benvenuto ed aggiungerlo nella schermata successiva come Maven Project. Questo solo la prima volta che lo stesso progetto viene aperto.

 

Avviare un progetto Maven con IntelliJ

Quando avrai aperto il progetto Maven su IntelliJ, in automatico verranno scaricate le librerie di cui l’applicazione ha bisogno (ti ricordi le dipendenze viste poco fa?). Se così non fosse, riceverai una notifica tramite un banner per eseguire l’operazione e, eventualmente, impostare l’importazione automatica.

Quando tutto sarà pronto, avviare l’applicazione Spring Boot sarà un gioco da ragazzi.

Un modo per farlo è cliccando col tasto destro sulla classe main dell’applicazione e selezionando Run (Avvia). La classe main è contenuta nel file che ha come nome il nome del progetto seguito da Application (es: progetto Demo : DemoApplication), che si trova nel package principale all’interno di src > main > java.

Un altro modo per avviare un progetto Maven, come la tua applicazione Spring Boot, tramite IntelliJ, è tramite il pannello Maven posizionato a destra. All’interno del pannello troverai il nome della tua applicazione e al suo interno la cartella Plugins. Puoi utilizzare il plugin spring-boot facendo click sull’opzione spring-boot:run per avviare l’applicazione.

 

Aprire un progetto in Eclipse

Se preferisci Eclipse sarà comunque una buona scelta, si tratta di un’ottima alternativa open-source.

 

Importare un progetto Maven in Eclipse

Trattandosi di un progetto Maven, dovrai seguire la procedura qui sotto per aprire la tua applicazione Spring Boot.

All’interno di Eclipse seleziona import nel menù a tendina che si apre cliccando su File nel menu in alto.

Nella finestra che si apre seleziona Existing Maven Project dentro la cartella Maven e premi Next, come nella figura sotto.

eclipse-import-existing-maven-project

Nella nuova finestra che appare dovrai scegliere il progetto da importare, cliccando sul pulsante Browse… e selezionando all’interno del percorso che hai scelto la cartella del tuo progetto Spring Boot creata precedentemente.

Se tutto va per il verso giusto dovresti vedere, una volta scelta la cartella, la spunta sul file pom.xml sotto Projects.

eclipse-import-existing-maven-project-step2

A questo punto clicca su Finish e attendi il completamento dell’operazione. Alla fine troverai il tuo progetto all’interno del workspace di Eclipse, che riconoscerà come progetto Maven e Spring.

 

Avviare un progetto Maven con Eclipse

Una volta che hai importato il nuovo progetto Maven all’interno dello spazio di lavoro di Eclipse, potrà essere modificato e testato.

Avvialo premendo il tasto destro sulla classe main -> Run As -> Java Application oppure come Run As -> Spring Boot App se hai installato il plugin. Più velocemente puoi premere il tasto play nella barra degli strumenti in alto.

 

Utilizzare il terminale per avviare un progetto Maven Java

Prima di avviare il tuo progetto Spring Boot devi avere in mente due concetti:

  • il gestore di packaging che hai utilizzato (Maven, Gradle)
  • il linguaggio utilizzato (Java, Groovy ecc..)

Questo vale per ogni strumento che utilizzerai per avviare l’applicazione, che sia questo un IDE (IntelliJ, Eclipse ecc..) piuttosto che il terminale come vedremo di seguito.

In questo articolo abbiamo sempre fatto riferimento ad un progetto Maven con linguaggio Java. Vediamo allora come si avvia un progetto cosi fatto utilizzando il terminale.

Una volta aperto il terminale la prima cosa da fare è spostarsi con il comando cd all’interno della cartella del progetto, quella dove è presente il file pom.xml. A questo punto devi generare tramite maven un pacchetto jar contenente l’applicazione da eseguire con java.

mvn clean package 

java -jar target/_NOME_.jar

Il primo comando genera il file jar all’interno della cartella target, il secondo lo esegue.

 

Configurare Maven per l'ambiente Tomcat

Se vuoi utilizzare Tomcat per far girare la tua applicazione Spring Boot basta configurare il progetto affinché venga generato un file .war.

Quello che devi fare è specificare all’interno del file pom.xml la proprietà packaging con valore war.

Codice di esempio
pom.xml
 

Build e deploy dell'applicazione su Tomcat

Poco fa ti ho fatto vedere come generare il progetto in un file jar per essere eseguito con java da terminale.

La generazione del file war per Tomcat avviene alla stessa maniera con il comando:

mvn package

Alla fine troverai all’interno della cartella target il file con estensione .war. Quello che devi fare è copiare il file war all’interno della cartella webapps di Tomcat.

Una volta avviato il server Tomcat (startup.sh/bat) potrai visualizzare l’esecuzione dell’applicazione in una finestra del browser. L’indirizzo alla quale accedere è equivalente all’indirizzo del server tomcat (default porta 8080) seguito da path /NOME_FILE_WAR.

Se, ad esempio, utilizzi un’istallazione locale del server tomcat e vuoi visualizzare la webapp demo presente al suo interno, dovrai andare all’indirizzo  http://localhost:8080/demo-0.0.1-SNAPSHOT. Niente di più semplice.

 

Modificare il file di build di un'applicazione Maven

Puoi cambiare il nome del  file di build specificandolo all’interno del file pom.xml attraverso la proprietà finalName del tag build. Ad esempio, assegna il nome dell’artifactId ignorando la versione:

 

Arrivato a questo punto sarai in grado di creare un progetto Spring Boot in pochissimo tempo, utilizzando Maven e Java. Saprai anche avviare l’applicazione in diversi modi.

Ora devo chiederti un favore. Se questo articolo ti è piaciuto condividilo con i tuoi amici, richiede pochissimo sforzo per te e per me sarebbe grandioso ;).

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *